Crea sito

PGA Tour: a DeChambeau l’Arnold Palmer Invitational. LPGA: Ernst regina del Drive On

15:01

PGA e LPGA Tour, americani grandi protagonisti. Escono al taglio Francesco Molinari e Giulia Molinaro

Il ritorno al successo di Bryson DeChambeau, nuovo campione dell’Arnold Palmer Invitational (PGA Tour). E poi il dominio di Austin Ernst che, sempre in Florida, ha vinto il Drive On Championship (LPGA Tour). Quindi il trionfo di Lucas Nicolas Fallotico, primo italiano a imporsi nello Spanish International Amateur Championship “Copa S.M. El Rey”, e l’ottimo risultato di Virginia Elena Carta la cui prova nel torneo femminile s’è fermata in semifinale.

Dai big e dalle regine del golf mondiale ai giovani dilettanti azzurri, con l’Italia che nel primo torneo internazionale del 2021 festeggia subito la vittoria. S’è chiusa così una settimana di imprese tra gli Stati Uniti e la Spagna.

PGA Tour, per DeChambeau un successo da dedicare a Palmer e Woods – A Orlando (Usa) DeChambeau (nella foto) ha festeggiato l’ottava vittoria in carriera sul massimo circuito americano maschile (cifra comprensiva di un Major), la prima dal trionfo allo US Open arrivato nel settembre 2020. Sul percorso del Bay Hill Club & Lodge (par 72) il 27enne di Modesto (California) con un parziale finale di 71 (-1) su un totale di 277 (-11) colpi, ha superato al fotofinish la concorrenza dell’inglese Lee Westwood (leader dopo il moving day), secondo (per la settima volta in carriera sul circuito) con 278 (-10).

Lacrime di felicità per il californiano che ha indossato il “red cardigan”, simbolo della competizione, rendendo omaggio a due leggende come Arnold Palmer (a cui dal 2007 è dedicata la manifestazione) e Tiger Woods, il quale ha riservato lui un messaggio prima dell’ultimo round. “Questo successo – la dedica di DeChambeau – è anche loro. Mr.Palmer è stato per me fonte d’ispirazione e lo sarà a lungo. Vincere il torneo a lui dedicato mi emoziona. Così come sono grato a Tiger per tutto quello che ha fatto per noi giocatori e per le parole riservatemi. In questo momento dovrebbe pensare a riprendersi dal grave incidente avuto e invece ha trovato il tempo per scrivermi. Mi ha detto di giocare con coraggio proprio come faceva Palmer e ho provato a dare tutto il mio meglio in campo”.

La vittoria in Florida permette a DeChambeau di volare in testa alla classifica della FedEx Cup (era 12/o alla vigilia) e di ritrovare la Top 10 del ranking mondiale (da 11/o a 6/o). Ma anche di incassare un assegno di 1.674.000 dollari a fronte di un montepremi complessivo di 9.300.000. A far pendere l’ago della bilancia dalla sua parte è stato anche un putt per il par imbucato da 15 metri alla buca 11 (par 4).

Nuova Top 5 per Jordan Spieth – A Orlando ha chiuso la gara al 3/o posto (280, -8) il canadese Corey Conners, leader nei primi due giri. Mentre l’americano Jordan Spieth ha conquistato la terza Top 5 del 2021. Per il texano (che non vince dal The Open 2017) 4/o posto (282, -6) condiviso con i connazionali Richy Werenski e Andrew Putnam. Bagarre al decimo posto (285, -3) condiviso da otto giocatori, tra questi il nordirlandese Rory McIlroy (vincitore dell’Arnold Palmer Invitational nel 2018), tra i favoriti della vigilia, e gli inglesi Tommy Fleetwood, Paul Casey e Matthew Fitzpatrick. Mentre s’è classificato 21/o (287, -1) Tyrrell Hatton, campione nel 2020.

Tre hole in one – Show e spettacolo. In Florida sono state 3 le hole in one realizzate. Le prime due, nel “moving day”, hanno portato la firma di Spieth (per lui è la terza buca in uno della carriera dopo quelle nel Puerto Rico Open 2013 e nel BMW Championship 2015) e Jazz Janewattananond. Con il tailandese che ha realizzato la sua prima hole in one sul circuito, proprio come il norvegese Kristoffer Ventura, a segno nell’ultimo round da 202 yard.

Prima uscita al taglio del 2021 per Francesco Molinari che prepara il riscatto – Per tre volte tra i migliori dieci nelle prime quattro partenze del 2021, per Chicco Molinari è arrivata la prima delusione stagionale. Il piemontese, campione dell’Arnold Palmer nel 2019, ha pagato a caro prezzo un primo giro difficile (parziale di 78, +6) e, con un totale di 152 (78 74, +8) colpi, non è riuscito a superare il taglio. Ma questa settimana (11-14 marzo) avrà l’occasione di riscattarsi al The Players Championship, evento del PGA Tour che metterà in palio un montepremi complessivo di 15.000.000 di dollari.

Classifica finale Arnold Palmer Invitational

LPGA, AUSTIN ERNST DOMINA IN FLORIDA – A Ocala il Drive On Championship ha visto il dominio di Austin Ernst che ha festeggiato il terzo successo in carriera sul circuito dopo quello nel Portland Classic (agosto 2014) e nel Walmart NW Arkansas (agosto 2020). La 29enne di Greenville (South Carolina), nel terzo appuntamento del LPGA Tour 2021, con un totale di 273 (-15) colpi, ha vinto il derby tutto statunitense con Jennifer Kupcho, seconda con 278 (-10), e Jenny Coleman, terza con 280 (-8). Stavolta non è riuscita l’impresa alle sorelle Korda, campionesse nei primi due eventi stagionali. Jessica (vincitrice del Diamond Resorts a gennaio) ha chiuso la competizione all’ottavo posto (284, -4). Mentre Nelly (regina del Gainbridge LPGA) non è andata oltre la 28/a piazza (288, par). In un evento in cui è uscita sorprendentemente al taglio la sudcoreana Jin Young Ko, numero 1 mondiale. Con Sei Young Kim (seconda nel ranking) solo 14/a (285, -3).

E’ una vittoria importante quella della Ernst, che le permette di superare i 4.000.000 di dollari di guadagni in carriera sul circuito grazie a un assegno di 225.000 a fronte di un montepremi complessivo di 1.500.000.

Giulia Molinaro ancora out – Dopo quella nel Gainbridge LPGA, sul percorso del Golden Ocala Golf Club (par 72) è arrivata, con un totale di 150 (81 69, +6) colpi, la seconda uscita al taglio consecutiva per Giulia Molinaro, protagonista di un secondo round sotto il par (69, -3) con 6 birdie e 3 bogey.

Classifica finale Drive On Championship

L’articolo PGA Tour: a DeChambeau l’Arnold Palmer Invitational. LPGA: Ernst regina del Drive On sembra essere il primo su Federgolf.

Go to Source
Author: Giampaolo Iacobellis

Translate »